Cortesia nello Yoga

Le seguenti raccomandazioni sono consigliate affinché tu possa creare per te stesso e per gli Yogi e le Yogini che praticano insieme a te un’atmosfera piacevole durante la lezione di Yoga Ashtanga:

Prima della pratica

  • Fai il possibile per non mangiare nulla due ore prima della lezione. Ti sentirai meglio durante la pratica.
  • Arriva puntuale (a parte se si tratta di una lezione Mysore); ti prego di arrivare almeno 10-15 minuti prima dell’inizio della lezione.
  • Togli le scarpe all’entrata.
  • Spegni il tuo telefono cellulare.

Durante la pratica

  • Evita di portare profumi forti. Questi potrebbero disturbare allievi che hanno delle allergie.
  • Porta degli abiti comodi; le parti intime del tuo corpo non devono però essere esposte.
  • Essere puliti (Sauca) è una parte integrale della pratica dello Yoga. Ti prego di assicurati che sia gli abiti che porti, sia il tuo corpo siano puliti.
  • Comunica al tuo/alla tua insegnante particolari condizioni mediche e fisiche (ferite, un’eventuale gravidanza).
  • Riconosci che percepirai il tuo corpo e il tuo spirito ogni giorno in modo diverso. Stai all’ascolto di ciò che ti dice il tuo corpo e pratica seguendo il tuo proprio ritmo e il tuo respiro. Non forzarti a prendere una postura e rispetta le tue limitazioni; ne abbiamo tutti.
  • Usa un comportamento e un linguaggio gentile. Evita di produrre negatività nella Shala.
  • Pratica almeno 3 volte alla settimana se vuoi vedere e sentire l’utilità dello Yoga. (Praticare più di 3 volte sarebbe ancora meglio). Tradizionalmente lo Yoga Ashtanga viene praticato 5-6 volte la settimana all’alba; con questa frequenza manifesta il suo pieno effetto.
  • Non giudicare te stesso o gli altri, abbi pazienza.

Dopo la pratica

  • Lo Yoga Ashtanga è un’auto-terapia molto efficace, che permette una crescita personale – fisica, mentale e spirituale. Se durante o dopo la pratica dello Yoga ti senti emotivo (gioia, tristezza, confusione, ecc.), accetta questi sentimenti senza giudicarli e permetti a loro di manifestarsi. Se quel che senti diventa difficile da gestire parlane al/alla maestro/a.
  • Quel che succede e vien detto nella Shala, resta nella Shala. Ti prego di evitare le chiacchiere e i pettegolezzi a proposito di questa o di qualsiasi altra Shala e delle persone che praticano con te. Lo Yoga si basa sul rispetto di te stesso, degli altri e dell’universo. I pettegolezzi sono una forma di Ahimsa (violenza).
  • Dopo la pratica bevi molta acqua, ma ti prego di non portare bottiglie d’acqua in classe.
om_150

Like Yoga Simha on Facebook

YOGA SIMHA on Facebook

Ashtanga Yoga Primary Series

With P. Jois and advanced students.

Asana of the Month

eka-pada-rajakapotasana_diana_2010-11

8 Limbs of Ashtanga Yoga

Yama : Universal morality

Niyama : Personal observances

Asanas : Body postures

Pranayama : Breathing exercises, and control of prana

Pratyahara : Control of the senses

Dharana : Concentration and cultivating inner perceptual awareness

Dhyana : Devotion, Meditation on the Divine

Samadhi : Union with the Divine

(Patanjali: Yoga Sutras)